F 850 GS.

Adventure di nome e di fatto. La F 850 GS, presentata solo l’anno scorso, si arricchisce di una versione più incline al viaggio e all’uso in fuoristrada. Riconoscerla è facile: basta fare caso al serbatoio più importante, passato da 15 a 23 litri (550 km di autonomia dichiarata), ma ci sono anche due grossi convogliatori laterali in alluminio satinato a differenziarla.

Sono un elemento che aumenta la massa percepita per via dell’importante sviluppo verticale, ma al tempo stesso caratterizzano l’Adventure dandole una spiccata personalità. Nessuna è così. Il plexiglass, regolabile in due posizioni, è più protettivo, le pedane hanno una zigrinatura più aggressiva, di serie ci sono barre paramotore e portapacchi. Il telaio monoscocca, che ingloba il motore come elemento stressato, è stato irrobustito, Variano le misure di interasse, avancorsa e inclinazione del cannotto di sterzo.

Di serie c’è un display LCD, ma optional è ordinabile quello TFT da 6,5” dotato di connettività. Standard ci sono due mappature, Rain e Road, luci a led e una elettronica completissima. Con lei, la vocazione Globetrotter della “GS di mezzo” si completa al 100%.

Viene voglia di prendere il fatidico anno sabbatico e partire. Destinazione, il mondo.