Imola che passione.

Basta verde. La SBK ha finalmente un nuovo colore. Che, per ora, è il rosso. Tradotto, dopo anni di monopolio dell’asso pigliatutto Jonathan Rea con la sua Kawasaki Ninja, un rimescolamento dei regolamenti e di piloti ha portato alla ribalta un velocissimo Alvaro Bautista in sella alla Ducati Panigale. Ma c’è anche il bianco BMW nella mischia, tornata in gran forze grazie all’impegno ufficiale di Monaco che ha schierato un ex campione del mondo, Tom Sykes, e un giovane emergente, il tedesco Marcus Reiterberger. In più, sembra che Dorna, padrone spagnolo del campionato, abbia finalmente deciso di investire e di adoperarsi perché la SBK torni ai fasti di un tempo. E ora, nel weekend del 10-12 maggio, il circus mondiale farà tappa in Italia, sulla tecnicissima pista di Imola. Sono rimasti pochi circuiti al mondo così spettacolari, dove il pubblico si ritrova a bordo pista e così vicino al centro abitato (anzi, praticamente al suo interno).

Serve altro per ingolosirvi? Beh… quel comprensorio tanto discusso (perché Imola è sotto la provincia di Bologna, ma di fatto è considerata Romagnola) è qualcosa di unico: per varietà paesaggistica, per le prelibatezze enogastronomiche e per la cultura di motori che si respira. Un suggerimento? Arrivateci “per vie traverse”, attraverso i magnifici colli dell’Emilia o della Toscana, sarà un’esperienza di guida che vi rimarrà nel cuore. Se siete bmwisti sfegatati, invece, sappiate che Monaco ha messo il turbo, ovvero ha finalmente fornito la squadra di quelle parti speciali (consentite dal regolamento) che potrebbero rendere la S 1000 RR estremamente competitiva. Ci potrebbero essere, quindi, delle belle sorprese. Pronti a viverle in prima persona?