Piuttosto che camminare…

Uno, due spinte col piede e lui va. È il nuovo monopattino elettrico di BMW.

Una volta era la ruota di scorta che non doveva mai mancare nel baule. Oggi verrebbe da dire che è questo l’oggetto da tenere fisso in auto. Anche perché la prima ormai non esiste quasi più, sostituita dalla sorella anoressica (il ruotino) o da una scatola chiamata kit di cui non è assolutamente certa la validità (alzi la mano chi si fida al 100% di quei sistemi).Il giochino “salva-ultimi metri” è un monopattino elettrico, nome in codice BMW Motorrad X2City, e si può condurre sopra i 14 anni senza patente e senza casco (ma è consigliato indossarne uno da bici).

 

Raggiunge i 25 km/h, ha 5 velocità, la propulsione elettrica inizia dopo i 6 km/h (quindi una spinta col piede a terra bisogna comunque darla per partire), ha due freni a disco, presa USB per il telefono al manubrio, la batteria al litio è nascosta dentro alla pedana e ci vogliono 2,5 ore alla presa domestica per caricarla. Grazie al manubrio ripieghevole e al peso contenuto in soli 20 kg, è un oggetto trasportabile anche in treno, metrò o barca. Ha ruote ciccione per digerire meglio i fondi malmessi delle città, parafanghi su entrambe le ruote per riparare dagli spruzzi d’acqua e può coprire una distanza di 25/35 km con una carica. Realizzazione, finiture e design sono premium come lo standard BMW, ma il know-how tecnologico è figlio del miglior mondo bici. E proprio per questo l’X2City non sarà distribuito dalla rete dei concessionari BMW Motorrad, bensì da alcuni negozi selezionati di biciclette o mediante il negozio online della Kettler Alu-Rad GmbH. Oggi in città ci si può muovere anche così